IL PROGRAMMA NAZIONALE "NATI PER LA MUSICA"


«La musica permette al bambino di sviluppare la capacità di ascolto e di osservazione dell’ambiente sonoro, maturare le proprie potenzialità espressive, comunicative, immaginative e creative, accrescere le capacità di concentrazione e memoria, rafforzare l’autostima.

Negli ultimi anni è stata ampiamente sostenuta e condivisa l’idea che l’esperienza musicale, sin dall’epoca pre-natale e nel corso di tutta l’infanzia, migliori la qualità dell’interazione madre/bambino, stimoli lo sviluppo cognitivo e porti ad un aumento delle competenze del bambino anche in attività extramusicali. Questo avverrebbe per una sorta di trasferimento delle abilità specifiche apprese musicalmente alle competenze comunicative ed alle funzioni cognitive di base necessarie per svolgere altri compiti di tipo non musicale.

Molti lavori hanno dimostrato che l’attività musicale porta ad una plasticità adattiva della rete neurale coinvolta nell’elaborazione ritmico-temporale delle informazioni linguistiche, ad un miglioramento delle funzioni attentive e mnestiche e delle abilità di lettura.» 

Dal convegno “La musica come strumento per lo sviluppo del bambino” (Modena, 15 marzo 2014)